1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
Accedi
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Kipling Lara

    Praga, Repubblica Ceca

    30

    Apr

    2016

    SHARE
    Teatrino di Vetriano
    55064 Pescaglia LU, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    Il comune di Pescaglia, in provincia di Lucca, vanta un primato curioso che lo porta agli onori internazionali: qui, infatti, per la precisione nella frazione di Vetriano, in località Gribbia, si trova quello che è stato definito il teatro storico più piccolo del mondo, entrando a buon diritto nel Guinnes dei Primati che lo ha certificato. Incastonato tra le case e le vie del bel borgo toscano, il Teatrino di Vetriano è un piccolo ma splendido gioiello in cui si ritrovano tutti gli elementi del Teatro ottocentesco e il minuscolo palcoscenico ancora oggi si anima per dare vita a spettacoli e opere del bel canto. La storia narra che nel 1889 l'ingegner Virgilio Biagioni per ottemperare alle volontà testamentarie del padre decise di fondare un nuovo teatro e così nel 1890 fu stipulato l'atto costitutivo della Società Paesana di Vetriano con lo scopo di seguirne la costruzione e in seguito la gestione. Nel 1891 il teatrino iniziò la sua attività con opere in prosa e commedie musicali recitate dagli stessi abitanti del paese. Con il nuovo secolo si intensificò l'attività filodrammatica e filarmonica e, visto il successo, il piccolo centro divenne un punto di riferimento per tutta la zona. Fu all'inizio degli anni Sessanta che l'attività filodrammatica cominciò a mostrare segni di crisi e contemporaneamente anche le strutture del teatrino iniziarono ad avere dei problemi a causa di alcuni dissesti statici e al deperimento del manto di copertura del tetto e delle decorazioni pittoriche. Nel 1983 cessa l'attività della Società Paesana e nel 1997 gli eredi donano la loro parte di proprietà al FAI, Fondo Ambiente Italiano, acquistando contemporaneamente anche altri spazi confinanti. Ecco quindi che grazie ai lavori di ripristino del Fai, iniziati nel 1998, viene recuperata completamente la parte originaria del teatrino e nuovi spazi sono stati ricavati grazie alle aree limitrofe, tornando quindi a nuova vita e presentando, nel 2003, il primo cartellone dell’era moderna. Il Teatrino misura 70 metri quadrati, ma, a differenza dell’altrettanto noto Teatro della Concordia di Monte Castello di Vibio, in provincia di Perugia, il più piccolo storico teatro all'italiana, non si può considerare un teatro all'italiana perché manca la sala a ferro di cavallo o una forma con pianta a campana.L'edificio infatti presenta una pianta trapezoidale, con un doppio ordine di balconate e gli elementi architettonici che lo compongono sono una sala a forma di rettangolo senza affreschi, il palcoscenico, la platea e palchi. Ad ogni modo è da sempre chiamato la Bomboniera dagli abitanti del paese, e i posti a sedere all'interno si trovano su sedie che assomigliano a quelle che anticamente si portavano da casa gli spettatori: comunque è un vanto italiano, recuperato magnificamente e fruibile su prenotazione.

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1
    1 1 1