1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
Accedi
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Kipling Lara

    Praga, Repubblica Ceca

    06

    May

    2016

    SHARE
    Contursi Terme
    Contursi Terme SA, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    Le origini di Contursi Terme sono state lungamente discusse da vari storici. Una scultura rupestre rinvenuta nei pressi della Grotta del Rosario farebbe arretrare la data di origine dell’abitato di Contursi Terme addirittura al periodo eneolitico. Basandosi sull'autorità di Plinio il vecchio, altri ritengono che Contursi potesse identificarsi con Ursentum, cioè la sede degli Ursentini, i quali, assieme ad altri popoli costituiva la nazione dei Lucani. Il Filomarino invece , basandosi sugli storici Strafforello e Rivelli, ed in particolare alle ricerche etimologiche di quest'ultimo, fa risalire le origini di Contursi alla fine del IV secolo d.C., ad opera degli abitanti di Saginara, cittadina scomparsa, un tempo nelle località omonime di Campagna e Contursi, posta sul rilievo di fronte alla confluenza del Tanagro con il Sele e distrutta dai Goti di Alarico fra il 395 ed il 400 d.C. L’instabilità politica di quell’epoca con continue scorribande di popoli invasori convinse gli abitanti superstiti a cercare un luogo più sicuro. Secondo alcuni furono questi a fondare sia Campagna che l'abitato di quello che diventerà il paese di Contursi Terme. Il conte Orso, (secondo le ipotesi più accreditate fu lui a dare il nome al paese), fondò Contursi nell’anno domini 840 vista l’ottima posizione strategica all’imbocco dell’alta Valle del Sele per meglio difendere l’area dalle incursioni sia dei Normanni che dei saraceni stanziati in Calabria. La’agglomerato urbano fu distrutto due volte, la prima per mano degli uomini di Luigi d’Angiò Durazzo e la seconda da Ludovico d’Ungheria. Molte famiglie feudatarie ebbero Contursi tra i propri possedimenti e tra questi i Sanseverino furono i più noti fino ad arrivare ai marchesi di Caggiano. Il centro storico del paese delle terme conserva ancora uno dei suoi antichi ingressi. Al culmine di una scala dalla quale prende il nome, la porta detta della "Scala longa" è uno dei più suggestivi del piccolo borgo. Addossata a una struttura architettonica a forma di torre, fa da elemento di congiunzione fra la zona della chiesa del Carmine e la parte bassa del paese. Tracce dell'antica dimora dei signori del luogo sono visibili nella facciata di palazzo Mirra. Con il suo importante portale che si apre su murature ancora robuste. Le acque termali rappresentano una ricchezza naturale per Contursi Terme. Provenienti dalle falde del vulcano preistorico monte Pruno rappresentano una panacea per molti disturbi. L'intero territorio del comune è disseminato di sorgenti molte delle quali con spiccate qualità curative. Tra queste sorgenti le più famose sono: l'acqua sulfurea presente in località bagni di Contursi che sgorga a 42 gradi circa ed è considerata l'acqua più ricca di acido carbonico d'Europa, la sorgente cantani, l'acqua Radium e quella del Volpacchio. Monumenti e bellezze naturali di Contursi Terme : Chiesa del Carmine: risale al 1500 e nella cupola è raffigurato un giudizio universale. Chiesa S. Maria degli Angeli: la chiesa madre di Contursi Terme edificata insieme al primo nucleo abitativo, danneggiata durante il sisma dl 1980 è stata riaperta al culto dopo l'opera di restauro. Chiesa del SS. Bambino: denominata anticamente di “S. Giovanni alla Porta”, perché sovrastava l’arco di una delle antiche porte del paese. Chiesa Madonna delle Grazie: costruita nel periodo rinascimentale è situata nella parte alta del paese. La sua facciata è barocca e ha al suo interno un altare dedicato a S. Filomena (la martire che salvò la popolazione dalla peste del 1656) e una statua della Madonna ritenuta miracolosa. Castello costruito nell’839 contro le scorrerie dei Normanni dal Conte Orso Grotta del Rosario: una scultura rupestre ritraente un volto umano è posto a guardia del suo ingresso. In epoca eneolitica alcuni gruppi umani hanno voluto probabilmente assicurarsi la protezione di un nume tutelare o uno spirito guida. Sia la scultura che i numerosi ritrovamente di utensili ricavati dalla scheggiatura della selce hanno portato gli esperti a ipotizzare che l'area di Contursi Terme fosse stata abitata da esseri umani già in tempi molto remoti. Pineta e Grotte Maurizio.

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1
    1 1