1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
Accedi
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Kipling Lara

    Praga, Repubblica Ceca

    13

    Jul

    2016

    SHARE
    Sagrada Familia
    Carrer de Mallorca, 401, 08013 Barcelona, Spagna - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    L’Associació Espiritual de Devots de Sant Josep, nata nel 1866 con l’intento di promuovere la fabbricazione di un tempio dedicato alla Sacra Famiglia, ricevette donazioni e acquistò il terreno su cui ora sorge la chiesa. I lavori dovevano essere portati avanti dall’architetto Francesc del Villar, ma dopo disaccordi con l’Associazione, nel 1883 prese l’incarico Antoni Gaudì, che installò il suo studio e si stabilì letteralmente nella chiesa, impegnandosi alla costruzione della basilica con estrema dedizione. Egli lavorò all’infinito progetto per 40 anni, compresi gli ultimi 15 della sua vita. Resosi conto che la costruzione della chiesa avrebbe comportato decenni, se non secoli, dopo la sua morte, piuttosto che esaurire le risorse impostando tutto il gigantesco perimetro, l’architetto catalano preferì completare alcune sezioni dell’edificio in altezza (specie nell’abside), come per lasciare ai suoi successori una testimonianza precisa dell’idea originale. Dopo la sua morte nel 1926 i lavori continuarono per poco tempo, interrotti dallo scoppio della Guerra Civile Spagnola; ripresero poi saltuariamente nel 1952 sotto la guida di un altro architetto, che cambiò il progetto originale, andato perso a causa di un bombardamento durante la guerra civile. Finanziata grazie alle offerte dei fedeli, la costruzione avanza oggi a ritmi lentissimi, a causa dei costi elevati, oltre che della difficoltà del progetto. Si stima che i lavori possano terminare entro il 2030. Il simbolismo religioso è l’essenza principale e più intima dell’opera della Sagrada Familia. Il Tempio della Sagrada Familia è come un libro aperto che racconta ogni giorno, la storia di una Fede. Le sue pietre, le sue sculture, la sua forte esteriorità e il suo silenzioso interno sono così dense di spiritualità che riusciranno a farvi sentire tutta la fede che quest’opera porta con sè. Il tempio L’esterno della Sagrada mostra la chiesa cattolica: Gesù, Maria, gli apostoli ed i Santi. Le facciate rappresentano invece la vita umana di Gesù, dalla sua nascita fino alla morte. E nel suo interno si racconta la Gerusalemme celestiale, abitata dall’Agnello, ovvero dal figlio di Dio. Ciò che potrete notare e che vi sorprenderà è la combinazione del modernismo con l’essenza dell'architettura religiosa e della cultura mediterranea, elementi diversi che si fondono armonicamente in un insieme, dando vita così, ad un'opera unica al mondo. Il Campanile Il ciborio secondo Gaudí, è l'innalzamento del Tempio. Il campanile più importante è quello dedicato a Gesù Cristo, alto 170 metri ed incoronato da una grande croce. La particolarità di questo campanile è proprio la sua croce, che brilla di giorno grazie ai mosaici da cui è composta e splende anche di notte per la luce proiettata dagli altri campanili, su cui si può leggere “Amen” ed “Alleluia”. Tutto nella Sagrada Familia è stato studiato nei minimi particolari. Vicino al campanile c’è la Madre di Dio, proprio come accadeva nella vita di Gesù sempre seguito dalla Madonna fino alla sua morte. A questo si accompagnano i quattro campanili degli evangelisti sormontati da un angelo, un toro, un leone ed un'aquila. Facciata della Passione Questa facciata del Tempio è il simbolo della desolazione, del dolore e della morte di Gesù Cristo. Si presenta nuda, con forme semplici ed ornamenti scarni quasi come a dimostrare e a rispettare lo stesso dolore del Cristo. L’insieme dei suoi elementi architettonici sembrano avvolti dall’assurdo: le colonne che sembrano ossa e gli ornamenti di fiori e animali che rappresentano il sentimento della perdita irreversibile provocata dalla morte. La facciata della passione si compone anche di tre portoni rappresentanti le virtù teologali e quattro campanili dedicati agli Apostoli: San Jaime, San Bartomeu, San Tomás e San Felipe. Nella parte terminale dei finestroni si offrono i frutti di inverno ed autunno: castagne, granate ed arance, un'altra dimostrazione ben chiara dell'influenza del mediterraneo nell'opera. Le Sacrestie della Sagrada Familia La Sagrada Familia possiede due sacrestie, situate negli angoli nord ed ovest del chiostro. Le sue lanterne coincidono con i punti cardinali ed allacciano le virtù con le Témporas - i digiuni che fa il paese cristiano in ogni stagione - in gratitudine per i frutti della terra. La sua rappresentazione è la seguente: la lanterna dell'Inverno, al nord, col serpente ed il salvadanaio che simbolizzano la prudenza; l'Autunno, all'ovest, con un elmo ed una corazza, rappresenta la forza; quella d'Estate, al sud, con una bascula ed una spada, simbolizza la giustizia. E la Primavera, all'est, sorge a simboleggiare la temperanza, attraverso un coltello, pane e caraffa a beccuccio, simboli chiari della cultura catalana. Cripta La cripta del Tempio è coperta da una cupola che rappresenta l'Annunciazione di Maria e contiene le cappelle dedicate ai componenti dalla Sacra Famiglia di Gesù. È circondata da un mosaico in cui sono raffigurati i vigneti ed il grano, i simboli mediterranei della fertilità. L'altare maggiore mostra il tempo liturgico della Pasqua ed in esso si evidenzia un rilievo dello scultore Josep Llimona dedicato alla Sacra Famiglia. Campanili I dodici campanili della Sagrada Familia rappresentano gli apostoli e sono incoronati dai simboli episcopali della croce, la mitra, l'anello ed il bastone. La sua forma verticale vuole essere l'unione tra terra e cielo. Facciata della Nascita La facciata che si trova di fronte al sole è la facciata della Vita e del Godimento. Il suo senso si esprime dalla forza plastica delle pietre dense di vita e significato, come una sorta di miracolo che si compie. Le sue porte simbolizzano la Fede, la Speranza e la Carità, tre aspetti importanti della vita di Gesù, in analogia a San José, la Madre di Dio e Gesù. I quattro campanili che nascono da questa facciata sono dedicati agli Apostoli San Matías, San Giuda, San Simón, e San Bernabé. Allo stile gotico di questa facciata si uniscono ondulazioni di tipo modernista, oltre ad elementi naturalistici con flora e fauna di ispirazione tipicamente mediterranea: tartarughe di terra, lumache, paperi, galli e gufi che rendono l’opera densa di vitalità. Questo schema naturale e vitale si è ripreso anche nei finestroni, ripieni di frutti di primavera ed estivi. Facciata della Gloria Questa facciata è orientata a mezzogiorno e rappresenta l'uomo all’interno della Creazione: la sua origine, i suoi problemi, le strade da seguire e la sua morte. La Gloria mostra la conseguenza del peccato, della virtù e del cielo a cui si accede solo con la preghiera ed il sacramento. È questo il motivo per cui questa facciata mostra, in ordine di ascensione, l'inferno, la morte, le virtù, i doni dello Spirito Santo fino ad arrivare alla cima dove si trova la Trinità. Le sette colonne esterne del portico simbolizzano i sette doni dello Spirito Santo. La facciata della Gloria è ornata, oltre che da elementi religiosi, anche da temi che riguardano l'immaginario popolare, le antiche mitologie e le tematiche pagane come i mostri che popolano l'inferno. Navata centrale Così come l'aveva inteso Gaudí, l'interno del Tempio è come una sorta di bosco naturale. Infatti la disposizione delle colonne ricorda i tronchi degli alberi con i loro rami. La luce che si infiltra tra le colonne dà alla navata un tocco bucolico. Le colonne che supportano le volte rappresentano gli Apostoli e le chiese di tutto il mondo. Delle colonne che circondano la crociera e l'abside, si evidenziano quelle degli Apostoli Pietro e Paolo che uniscono l'arco trionfale col Calvario: un insieme col Cristo Crocifisso, la Vergine Maria e San Juan. La rappresentazione della Trinità si competa col Padre Eterno nella cupola dell''abside e con la lanterna a sette braccia che rappresenta lo Spirito Santo. Be continued........

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1
    1 1 1