1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
Accedi
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Nadal Rania

    Coimbra, Portogallo

    27

    Feb

    2017

    SHARE
    Santa Maria Donnaromita
    Via Giovanni Paladino, Napoli, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    La chiesa ed il monastero vennero fondati nell\'VIII secolo da alcune monache fuggite da Costantinopoli a seguito delle persecuzioni iconoclaste. L\'edificio originariamente ospitava Sant\'Andrea a Nilo. La primitiva intitolazione, che riprendeva quella della congrega abbandonata, era di Santa Maria a Percejo. "Donnaromita" non è altro che la deformazione popolare di "Romite in Costantinopoli". \nFurono dunque le monache provenienti da Costantinopoli e dalla Romania a fondare un monastero accanto alla chiesa di Sant\'Andrea a Nilo che fu detto di Santa Maria de Percejo o Petrejo oppure anche Santa Maria di Costantinopoli o Cella Nova. Il popolo napoletano lo chiamava monastero delle donne di Romania oppure delle Romite di Costantinopoli e, per contrazione, di Donnaromita.\nSecondo lo storico Bartolomeo Capasso invece , la denominazione deriverebbe dal nome della famiglia che fondò il monastero prima dell\'anno 1025 e che si chiamava Domina Aromata.\nNel XIII secolo il complesso venne ampliato inglobando altre piccole chiese e cappelle presenti nella zona. La chiesa venne completamente ricostruita nel 1535 su disegno dell\'architetto Giovan Francesco di Palma. L\'interno è a navata unica con dieci cappelle. Il soffitto ligneo venne realizzato tra il 1587 ed il 1590 da Nunzio Ferraro e Giovan Battista Vigliante su disegno di Andrea Magliulo. Le tavole centrali del soffitto sono opera di Teodoro d\'Errico, mentre gli otto dipinti laterali si devono a Girolamo Imparato. Nella cupola è un affresco, iniziato da Luca Giordano e realizzato nel 1696 da Giuseppe Simonelli, autore anche gli affreschi delle volte e delle vele. \n

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1
    1 1 1