Image

Image

Vin Jaune .....un gioiello sconosciuto

39210 Voiteur, Francia

by Lauren Holt
137

Overview

Jura è una delle più piccole regioni vinicole di Francia, tra i curiosissimi vini che vi sono prodotti un posto nell’olimpo spetta al Vin Jaune. Si tratta di un vino ottenuto da uva Savagnin, allevato per sei anni e tre mesi in botticelle da 228 litri, senza travasi né ricolmature per riequilibrare quell’evaporazione che naturalmente avviene attraverso il legno. Sebbene la botticella scolma sviluppi una intercapedine di aria, il vino non inacidisce perché si forma una sorta di velo, di pellicola, sulla superficie del liquido, il cui spessore protegge il vino sottostante dall’ossidazione: si attiva quel processo che tutti chiamano ossidazione controllata. Ne esce un vino dal colore giallo dorato luccicante, talvolta brillantemente color ambra. I profumi sono taglienti, di curry, di scorza di arancio amara, di nocciola tostata, di mandorla amaricante. Il gusto è secco, secchissimo, il finale di bocca lunghissimo con chiusura che vira al distillato. A suggellare questo lunga permanenza in botte e ad esaltare la sacralità enologica di questo lento processo di acquisizione delle qualità organolettiche, non si sono fatti mancare nemmeno l’istituzione di un evento ad hoc: la percée du Vin Jaune. E questo accade in ogni anno in una chiesa della zona del Jura. La prima botte della vendemmia di sei anni prima viene sacrificata sull’altare di una chiesa e il vino è versato e bevuto dagli avventori appositamente convenuti, come un eno-pellegrinaggio, nella sede della cerimonia.Ogni anno la sede della cerimonia cambia: nel 2014 la festa segnerà la diciottesima edizione e si terrà a Voiteur il 2 e 3 febbraio. Quattro sono gli attori principali dell’evento: il parroco che officia il rito, la Commanderie des Nobles Vins du Jura et du Comté, il Vin Jaune e il formaggio Comté, che ben si combina con il vino. Spetta alla Commanderie la spillatura del vino, cosa che avviene fuori dalla porta della chiesa con l’altare alle spalle, dal momento in cui il giallo Jura se ne zampilla iniziano gli assaggi e gli abbinamenti. Negli ultimi anni si è verificata un’esplosione di presenze, fino a 25.000, per cui l’offerta dei vini in degustazione si è ampliata e si potranno degustare anche i bianchi, i rossi e i Vin de Paille. Il modo di presenziarvi è semplice. Giunti all’ingresso del paese di Voiteur dovrete acquistare il vostro bicchiere e dei voucher. Questi vi consentiranno di fare un certo numero di degustazioni, girellando in qua e in là per il piccolo paese (meno di 800 anime) se saprete resistere a un clima non certo da Costa Azzurra. È un’esperienza simpaticissima, molto friendly e molto pericolosa, infatti la polizia locale non vi farà mettere alla guida fino a quando l’etilometro non segnerà il cessato allarme. (Fondazionesomelier)