Image

Image

Basilica di San Simpliciano

Piazza S. Simpliciano, 7, 20100 Milano MI, Italia

by Sabrina Pirelli
72

Overview

La Basilica di San Simpliciano rappresenta un monumento di straordinario valore storico e artistico e dotata di una storia molto complessa. Eppure essa è poco conosciuta presso il grande pubblico, sicuramente molto meno in particolare della Basilica di Sant'Ambrogio, pur essendo la sua importanza nei secoli simile. Forse perché di Simpliciano, successore, ma anche maestro, di Ambrogio, nonché confidente di Sant'Agostino, non è arrivato a noi alcun testo. STORIA La Basilica di San Simpliciano è una delle chiese più antiche di Milano. Insieme alle basiliche di San Dionigi (non più esistente), di Sant'Ambrogio e di San Nazaro essa è una delle quattro basiliche che il vescovo Ambrogio volle venissero erette nel quarto secolo fuori dalle mura della città, approssimativamente in corrispondenza dei quattro punti cardinali, quasi a costituire un baluardo protettivo per la città. Inizialmente dedicata a Maria e alle sante Vergini (Basilica Virginum), dopo la morte di Ambrogio accolse le reliquie dei martiri Sisinio, Martirio e Alessandro, trucidati durante la predicazione in Anaunia (l'attuale Val di Non), mandate in dono da San Vigilio, vescovo di Trento, a San Simpliciano, successore di Ambrogio. Dopo che questi vi venne sepolto la basilica venne dedicata a lui (secondo alcuni esperti il cambio di dedicazione avvenne però solo in epoca longobarda). Nel corso dei secoli l'edificio, in origine posto in corrispondenza di un cimitero pagano, subì molte e importanti modifiche. Fino a non molto tempo fa si pensava che dell'originaria costruzione paleocristiana non rimanesse praticamente nulla e che la chiesa attuale potesse considerarsi a tutti gli effetti romanica. A partire dal 1944 ci si rese invece conto che l'impianto paleocristiano era ancora perfettamente presente e che ciò permetteva di ricostruire idealmente in gran parte l'aspetto originario.