1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
Accedi
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Kipling Lara

    Praga, Repubblica Ceca

    18

    Apr

    2016

    SHARE
    Certosa di Garegnano
    Via Garegnano, 28, 20156 Milano, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    A Garegnano, un tempo un piccolo borgo nella campagna che si estendeva a ovest di Milano, oggi quartiere posto tra il Cimitero Maggiore e l'autostrada dei Laghi, sorge l'omonima certosa. Delle originali forme gotiche del monastero fondato nel 1349 dall'arcivescovo Giovanni Visconti per accogliere i frati certosini, poco è rimasto dopo l'ampliamento avviato alla fine del Cinquecento, forse su progetto di Pellegrino Tibaldi. Importante edificio per la storia dell'arte milanese sia per la nobiltà delle forme sia per l'apparato decorativo di cui è rivestito. Dal portale attraverso un atrio e un suggestivo vestibolo ellittico movimentato da tre esedre si raggiunge la chiesa dall'alta fronte a tre ordini, con una faccita arricchita da elementi architettonici e decorativi che ne vivacizzano la superficie. L'interno, ad una navata fiancheggiata da cappelle, assume la caratteristica forma planimetrica certosina di edificio a pianta taumata capovolta, terminante con un presbiterio absidato e coronato da un elegante tiburio ottagonale. La volta della navata e le pareti sono impreziosite dagli affreschi dalle tonalità tendenti al grigio e i violetti di Daniele Crespi (1629)che raccontano storie di certosini e di san Brunone, fondatore del loro ordine.Si narra che Lord Byron, affascinato dagli affreschi del Crespi, esclamò: “egli è un pittore che sa far parlare i morti“. Nel presbitero gli affrschi sono invece di Simone Peterzano (1578 -1582) e nella sala capitolare e nella cappella a destra di Biagio Bellotti. A sinistra c'è la sagrestia. Sulla destra del tempio sorge un bel chiostro tardocinquecentesco.

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1
    1 1 1