castel-capuano-il-piu-antico-di-napoli-secret-world

castel-capuano-il-piu-antico-di-napoli-secret-world

Castel Capuano: il più antico di Napoli... - Secret World

Piazza Enrico de Nicola, 74, 80139 Napoli NA, Italia

by Maya Tiger
46

Overview

Il Castel Capuano è, dopo il Castel dell’Ovo, il più antico di Napoli ed è stato anche sede delle sezioni civile e penale del tribunale di Napoli. È un castello di origine normanna ed il suo nome deriva dalla sua vicinanza con la famosa Porta Capuana. Fu il re di Sicilia Guglielmo I ad ordinarne la costruzione nella seconda metà del XII secolo e immediatamente la fortezza divenne sede della famiglia reale. Fu costruito sui resti di un antico cimitero, infatti durante alcuni scavi del XIX secolo vi furono rinvenute svariate tombe. Con Federico II l’aspetto del castello mutò e divenne più dignitoso per una famiglia reale perdendo parte delle caratteristiche tipiche di una fortificazione. Con la costruzione del Maschio Angioino, Castel Capuano perse la sua vocazione di residenza reale, nonostante alcuni membri della famiglia e vari ospiti illustri continuassero a soggiornarvi. Con l’avvento del Vicereame Spagnolo, infine, divenne Palazzo di Giustizia e subì vari rifacimenti architettonici sia all’esterno sia all’interno, mentre i sotterranei divennero prigioni. All’esterno c’è un portale di ingresso con una lapide che commemora la vittoria di Carlo V a Tunisi sormontata da una grande aquila bicipite, stemma dei sovrani di Spagna. Dopo il portale si accede ad un cortile con un portico che è il nucleo del castello, luogo dove si riunivano giudici, avvocati, testimoni e imputati. Una volta giunti all’interno, si può iniziare la visita molto suggestiva in una delle sale più belle, il Salone della Corte d’Appello che presenta affreschi del XVIII secolo rappresentanti allegorie sulle province del regno. Al primo piano c’è la Sala dei busti in cui si possono ammirare i busti degli avvocati più importanti del foro ed anche qui sono presenti bellissimi affreschi. Da questa sala si arriva alla Sala della Sommaria costruita intorno alla metà del ‘500, mentre in quella che è attualmente la Biblioteca sono custoditi circa 80000 volumi del XVI, XVII e XVIII secolo. Rappresentano, insieme, il Fondo Antico.